Messaggio
Candioli

Educational

Giovedì 06 Ottobre 2011

La tecarterapia

COME FUNZIONA
La diatermia o tecarterapia è una metodica fisioterapica innovativa e non invasiva che detrmina una produzione di calore all’interno dei tessuti attivando il metabolismo cellulare. Si crea un campo elettromagnetico tra l’elettrodo neutro, che è la piastra applicata in questo caso sul costato del cavallo e l’elettrodo che si utilizza sulla parte da trattare. Il movimento delle cariche stimola in questo modo le cellule dei tessuti interessati a produrre energia e calore.

Il risultato è:

  • da una parte l’aumento del flusso di sangue con un richiamo di ossigeno e di sostanze utili ai processi riparativi.
  • e dall’altra il drenaggio linfatico, che è responsabile dell’eliminazione dei cataboliti, cioè delle sostanze tossiche che vengono prodotte dal processo infiammatorio.

Si utilizza la modalità capacitiva per lavorare principalmente sui tessuti molli come muscoli, tendini e legamenti e sulle strutture superficiali e quella resistiva invece principalmente per trattare i tessuti duri, quindi ossa e articolazioni e per le strutture più profonde.

INDICAZIONI: Le principali indicazioni per questi tipo di terapia riguardano patologie dell’apparato locomotore, come lesioni e infiammazioni tendinee legamentose, artropatie acute e croniche, contratture e strappi muscolari. Viene inoltre largamente impiegata anche nella riabilitazione di soggetti che riprendono il lavoro dopo un lungo periodo di fermo. Svolge un ruolo importante anche nella medicina dello sport, durante fasi di allenamento intenso o come pre gare, perché migliora l’ossigenazione dei muscoli e come recupero post gara, perché fa eliminare più velocemente l’acido lattico e gli altri prodotti della fatica muscolare.

SEDUTE: l numero delle sedute è variabile a seconda della problematica del cavallo e della sua risposta. Se parliamo di una lesione tendinea, un ciclo comprende generalmente dici sedute: le prime vengono effettuate ad intervalli di qualche giorno e poi a scalare nel tempo.

VANTAGGI: I vantaggi sono numerosi:

  • Nessun dolore per l’animale e generalmente non è necessario sedare il cavallo, anzi, per molti cavalli è un momento rilassante.
  • Nessun effetto collaterale, salvo rari fenomeni di ipersensibilità individuale.
  • Riduzione dei tempi di recupero e riduzione anche dei farmaci eventualmente impiegati
  • Potenziamento dell’effetto locale degli integratori somministrati per bocca per l’aumento del flusso ematico distrettuale
  • Parlando di medicina sportiva non è considerata dopante, quindi si può effettuare anche in gara.

Dott.ssa Elena Battagion - Medico Veterinario

1 Commento

  • Link del commento Raffaello Ciampoli Mercoledì 19 Ottobre 2011 08:48 inviato da Raffaello Ciampoli

    Complimenti ottima idea e bel sito
    in bocca al lupo per questa avventura
    raffaello

    Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Inserisci un commento