Messaggio
Candioli

Notizie

Giovedì 27 Ottobre 2011

Intervista a Vittoria Panizzon

Siamo a Cameri, in occasione del completo internazionale. C’è qui con noi Vittoria Panizzon: ciao Vittoria, come stai?
Bene, grazie. È un piacere tornare in Italia e vedere tutti.

 

Bene, allora. Sei qui, con quanti cavalli?
Solo uno.

Solo uno. E che in categoria sei iscritta?
Il CIC 3 stelle

Quindi sei qui con un obiettivo, che è quello di portare avanti il tuo cavallo, e magari credi di qualificarlo per completi più importanti, vero?
Sì, certo. Il cavallo ha bisogno di ottenere una qualifica in quanto non è in gara da parecchio tempo.

 

Ah, quindi è il tuo cavallo famoso, questo? Sì, sì. Esatto.

Quello delle Olimpiadi di Pechino? È il cavallo che ho portato alle Olimpiadi.

Mi ricordi il nome? Rock Model.

Rock Model, il famoso Rock Model. E quindi è di nuovo in attività e devi fare la qualifica per le prossime Olimpiadi.
Sì, lui si deve riqualificare. Mi piacerebbe qualificarlo per le Olimpiadi di Londra, però... è un sistema molto complesso, quindi, Cameri è solo una tappa che dovrebbe aiutare.

E hai degli altri cavalli già qualificati o in via di qualificazione?
Sì. Una cavalla qualificata che è andata molto molto bene.

È la tua cavalla grigia?
Sì, la Borough Pennyz che è di una mia proprietaria, che l’ha pure allevata. Io l’ho domata e montata fin dall’inizio. È stata un’esperienza molto speciale portarla avanti e vederla progredire.

Abbiamo visto le foto, ho visto che salta benissimo. Salta come un cavallo da gran premio di salto ostacoli. Complimenti.
Infatti, è figlia di un cavallo da concorso. La porto fuori a saltare in concorso e anche i cavalieri da concorso la guardano con invidia.

E magari ti chiedono se è in vendita?
Sì, sì,

È con questa lei che sei arrivata sesta a Blenheim nel CIC 3 stelle?

Bene, bene. Quindi, tenendo le dita incrociate, potresti avere almeno un paio di cavalli per le Olimpiadi di Londra 2012?
La Borough Pennyz sarebbe la cavalla perfetta per l’anno prossimo: secondo me, è una cavalla quasi fatta apposta per questo tipo di gara. Perché è una gara particolare; si svolge in città, c’è poco spazio, è molto tortuoso. Il percorso: è una collina molto ripida, ci vuole un cavallo che non tira e che stia bene nel tempo in cross.

E che gira facilmente.
Oltre a questo, alle Olimpiadi, per i primi venticinque, ci sono due percorsi di salto ostacoli chiaramente sperando che io possa stare nel...

Essere... il più avanti possibile!
Sì, ma con una cavalla che salta così bene sarei chiaramente avvantaggiata.

E tu hai fatto anche il Test Event a Londra? Sì, ho montato Borough Pennyz classificandomi settima.

Complementi! Allora, in bocca al lupo per Cameri e per l’anno prossimo.
Crepi!

Grazie, ciao. A presto.
Grazie, ciao.

Inserisci un commento